Artdiscount - dal 1995 mercanti e collezionisti d'arte.
Con molta passione e molta curiosità, pronti a soddisfare una ristretta cerchia di arthunters, ovviamente inappagati come noi.
Con un obiettivo: valorizzare artisti, illustratori, designer, fotografi del '900, spesso lontani dalle solite scelte.
Con uno sguardo che spazia in tutti gli ambiti dell'arte, con una particolare attenzione al disegno in tutte le sue forme, ai bozzetti, alla fotografia.
Con un budget definito, sempre compreso tra i 50 e i 5000 euro. Come vedete, a volte basta poco per essere un po' più felici.

Nota di navigazione: terminata la pagina, consultare POST PIU' VECCHI

sabato 5 novembre 2011

Giovanni Manca. Il signore dell'umorismo.

"Ferragosto al mare" china su carta pesante, anni '30. Firmato. euro 380
Tra i disegnatori italiani degli anni Trenta, uno di quelli che ottenne il maggior successo, in termini di popolarità, fu certamente il cagliaritano Giovanni Manca (1899 - 1984), firma tra le più amate dai lettori del Corriere dei Piccoli, attivissimo fino agli anni Sessanta.

Manca incominciò la sua attività giovanissimo, cimentandosi nella caricatura, nella vignetta satirica e nel campo del cinema d’animazione. Durante la prima guerra mondiale curò una pubblicazione propagandistica per la Marina e Gabriele D’Annunzio in persona gli commissionò l’emblema della Repubblica Veneta da riprodurre sulla carlinga del suo aereo.
Dopo la guerra Giovanni Manca si avvicinò al mondo dello spettacolo e lavorò come scenografo e autore per il teatro “Trianon” di Torino. Proprio da un testo creato per uno spettacolo di rivista nascerà Pier Cloruro de’ Lambicchi, il suo personaggio di maggior successo. Iniziò a lavorare per il Corriere dei Piccoli nel 1927, dopo aver maturato un’ampia esperienza collaborando con numerose riviste e dirigendo  Il Guerin Meschino. Nei suoi teatrini illustrati, il disegnatore riversò tutto lo spirito irriverente e il gusto per lo sberleffo che avevano sempre caratterizzato la sua precedente produzione vignettistica.
Pier Cloruro de’ Lambicchi era un maldestro scienziato, inventore della prodigiosa “arcivernice”, una pittura trasparente capace di rendere vive le figure ritratte su libri, quadri e manifesti. Ma i personaggi richiamati in vita finivano quasi sempre per causare dei guai, ribellandosi spesso al loro evocatore. Il disegnatore cagliaritano restò al Corriere dei Piccoli fino al 1950, creando altri simpatici eroi, come Il clown Patatrac, Tamarindo, Macarietto e Don Gradasso Sbudelloni (ironica caricatura di Benito Mussolini). Nessuno di essi, però, riuscì a eguagliare la popolarità di Pier Lambicchi, che negli anni Sessanta venne poi riproposto dall’autore sulle pagine del quotidiano Il Giorno e sul supplemento Il Giorno dei ragazzi.
Ironica e graffiante è uno di quegli autori che sai riconoscere e non confonderesti con nessuno.
 

1 commento:

  1. Buona sera,sono in possesso di un disegno/quadro caricatura ??? (Non me ne intendo) del Maestro Manca,che negli anni 60 era solito frequentare un ristorante dove ai tempi lavorava mia zia come cameriera .Un giorno arrivo con questa caricatura che la ritraeva mentre lavorava.Volevo sapere se ha un qualche valore ... grazie per l'eventuale risposta..

    RispondiElimina